Sélectionner une page
Welcome Italia investe ancora su Pisa: 20 assunzioni nel 2019

“Sono le aziende a creare il futuro per un territorio, per questo siamo sempre orgogliosi di collaborare con gli amministratori della nostra città”.
Con queste parole l’amministratore delegato di Welcome Italia Stefano Luisotti ha accolto il sindaco di Pisa Michele Conti, in visita alla sede pisana dell’azienda di telecomunicazioni per le imprese.

Nell’occasione l’ad di Welcome Italia ha anche annunciato un piano per l’assunzione di 20 persone nel corso del 2019.
Tutti posti di lavoro qualificati a tempo indeterminato, come è prassi per l’Azienda.

Come candidarsi

Le prime opportunità già ufficializzate riguardano laureati in ingegneria o informatica e Networking e sviluppatori, per la sede di Pisa.
L’azienda sta anche cercando diplomati in materie tecniche (periti Informatici, Elettronici e TLC o simili) da impiegare come tecnici di Delivery (sede di lavoro Pisa) e per il reparto Warehouse e Refurbishing (sede di lavoro Massarosa in provincia di Lucca).

Welcome Italia è comunque sempre in cerca di giovani di talento da assumere.

Tutte le opportunità che si apriranno nel corso dell’anno verranno come sempre pubblicate sulla pagina https://www.welcomeitalia.it/it/opportunita-lavoro/. Dalla stessa pagina è possibile candidarsi per le offerte esistenti o inviare una candidatura spontanea.

Per tutti i neoassunti (così come per tutti i dipendenti di Welcome Italia) sono previsti contratti a tempo indeterminato e benefit aziendali come buoni pasto, linea voce e dati gratuita, SIM Welcome Italia gratuita con chiamate illimitate.
Welcome Italia ospita i suoi dipendenti in ambienti confortevoli e sicuri progettati per permettere alle persone di interagire e lavorare al meglio: sedie ergonomiche Herman Miller (le stesse che il presidente Obama utilizzava alla Casa Bianca), scrivanie regolabili in altezza, pc di ultima tecnologia con tre schermi, sala musica con strumentazione, sala ricreativa, Aula Magna ad anfiteatro dedicata alla formazione costante”.

“Bello sapere che ci sono aziende che investono sui giovani”

“Voglio dire grazie – ha commentato il sindaco Michele Conti – nella nostra città abbiamo sia dipartimenti universitari di eccellenza che formano giovani preparati in questi settori, sia aziende all’avanguardia che offrono opportunità di crescita professionale per chi ha voglia di mettersi in gioco. È bello sapere che ci sono aziende come Welcome Italia che crescono e investono sul territorio di Pisa”.

Conti è rimasto colpito dalla grande sala del Network Operation Center di Welcome Italia, il centro di controllo da dove i tecnici specializzati dell’azienda monitorano la qualità delle linee di migliaia di Clienti (e in oltre il 66% dei casi intercettano guasti e disservizi prima che i Clienti se ne accorgano).

Luisotti ha mostrato al primo cittadino il videowall in stile Nasa che mostra tutti i dati sulle misurazioni effettuate 24 ore su 24.
“Per noi è importante misurare costantemente le prestazioni delle linee e la qualità del servizio offerto – ha detto Luisotti – in questo modo possiamo rispondere alle chiamate dei Clienti entro tre squilli e risolvere i casi in tempi brevi”.

La visita è poi proseguita nel Data Center ospitato nella sede: una struttura unica in Italia per quanto riguarda la sicurezza dei dati e la tutela della business continuity dei Clienti (uno dei punti forti di Welcome Italia sono infatti i servizi di Colocation).

“Entrare qui dentro è come salire a 3000 metri – ha avvertito l’ad – questo perché riduciamo artificialmente la quantità di ossigeno in modo da rendere impossibile lo sviluppo di qualunque tipo di fiamma”.

Non poteva mancare un’occhiata alla App Vianova, un’applicazione esclusiva, che permette di sfruttare al meglio i nuovi servizi di telefonia mobile creati da Welcome Italia.
“I nostri servizi di telefonia mobile sono stati progettati – ha detto Luisotti – per far risparmiare tempo alle imprese. Tramite la App i Clienti Vianova Mobile possono utilizzare i loro numeri fisso e mobile sul cellulare ed essere così sempre raggiungibili, come fossero in ufficio. Anche dove la rete mobile non arriva o all’estero: basta avere una connessione wifi ed il gioco è fatto”.

Conti ha concluso la sua vista con un commento.
“Sta al mercato valutare le iniziative private, ma spetta alle istituzioni creare le basi per attirare e far crescere importanti realtà imprenditoriali. Pisa si conferma il distretto dell’innovazione tecnologica, la nostra amministrazione farà la propria parte per svilupparlo al meglio”.

7 febbraio 2019

Welcome Italia è un Great Place to Work: lo dicono i dipendenti

“La mattina mi alzo felice di venire a lavorare, orgogliosa di lavorare in Welcome Italia e molto molto grata”.

Sono le parole reali di una dipendente di Welcome Italia. E sono il modo migliore per annunciare che l’azienda di telecomunicazioni per le imprese è stata inserita tra i Great Place to Work® italiani, le imprese con i migliori ambienti di lavoro.

La certificazione Great Place to Work ha un grande valore perché può esser ottenuta solo grazie alle opinioni dei Dipendenti (raccolte in maniera anonima) e quindi è una conferma dell’attenzione che Welcome dedica alla felicità di Clienti, Partner Collaboratori.

“Siamo orgogliosi di essere un Great Place to Work – commenta il Responsabile HR di Welcome Italia Massimiliano Santini – è un riconoscimento a cui teniamo molto, perché arriva direttamente dalle Persone di Welcome Italia: questa è la cosa più importante. Grazie a tutti i Colleghi, siete preziosi e il vostro supporto ci spinge a migliorarci ogni giorno”.

Creare le condizioni per avere Persone felici è uno dei segreti del successo di Welcome Italia.
Lo spiega bene questa frase di Jeff Sutherland (l’inventore del metodo Scrum che aiuta le più grandi aziende del mondo a realizzare i loro progetti): “le persone non sono felici perché hanno successo; hanno successo perché sono felici”.

La certificazione, come spiegano da Great Place to Work® (la multinazionale che da anni certifica le aziende top per il rapporto con i Collaboratori), premia le Aziende con ambienti di lavoro positivi, relazioni tra i collaboratori basate sulla fiducia, processi HR di alta qualità e capacità di attrarre persone di talento.

Nell’elenco delle aziende certificate 2019, assieme a Welcome Italia, figurano colossi del business internazionale come General Electric, Toyota, Campari, Pfizer, Jaguar, Cisco, Philips.

Nei giorni scorsi Welcome Italia ha annunciato un piano per 20 assunzioni nel 2019: ecco tutte le offerte di lavoro per cui sono state già aperte le selezioni.

28 febbraio 2019

Welcome Italia tra le migliori aziende per il welfare

Oggi Sara può scegliere. Lavorare da casa in smart working per stare vicino al suo bambino ammalato oppure spostarsi nella sede di lavoro preferita contando su un rimborso per le spese di trasferimento.

Questo metodo smart di andare al lavoro è una delle iniziative che hanno permesso a Welcome Italia di entrare tra le migliori aziende italiane per il Welfare aziendale.

Nella Champions del welfare

Il premio è stato assegnato dal Welfare Index PMI, promosso da Generali Italia e con la partecipazione delle maggiori confederazioni italiane (Confindustria, Confagricoltura, Confartigianato e Confprofessioni). L’iniziativa è patrocinata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri
Il rapporto ha analizzato il livello di welfare in 4.561 piccole e medie imprese italiane in dodici aree, tra le quali, ad esempio, conciliazione vita-lavoro, sostegno all’istruzione di figli e familiari, sostegno ai soggetti deboli.

Solo 68 imprese si sono guadagnate le 5 W del rating Welfare Index, entrando tra le Champion del welfare aziendale.

Welcome Italia ha anche conquistato una menzione speciale per i migliori esempi di welfare grazie alle politiche per i giovani, alla formazione del personale e al sostegno alla mobilità sociale.

Lavoro smart, formazione e attenzione ai giovani

Ai suoi Dipendenti, Welcome Italia offre vari benefit come buoni pasto, linea voce e dati, SIM con chiamate illimitate. L’azienda incoraggia lo smart working e offre la possibilità di lavorare con orari flessibili.
Inoltre punta sul comfort delle persone mettendo a disposizione sedie Herman Miller (uguali a quelle che il presidente Obama utilizzava per i meeting alla casa Bianca) e scrivanie regolabili in altezza. I dipendenti possono scegliere corsi di formazione personalizzati o master universitari finanziati dall’azienda.

Per i momenti di relax c’è anche un’aula magna con chitarre, basso, tastiere e batteria.

20 assunzioni per il 2019

Per il 2019 Welcome Italia ha lanciato un piano per 20 assunzioni, tutte a tempo indeterminato (la policy aziendale prevede solo contratti di questo tipo).

“Avere Clienti soddisfatti è la nostra priorità – spiega il responsabile HR di Welcome Italia Massimiliano Santini – per questo rispondiamo in tre squilli alle chiamate e sviluppiamo servizi di rete fissa e mobile eccellenti pensati per aumentare l’efficienza e semplificare il lavoro. La prima regola per avere Clienti felici è avere Dipendenti felici. Le nostre politiche di welfare puntano proprio a questo”.

26 marzo 2019

Ecco i 600 campioni del Made in Italy: c’è anche Welcome Italia

Sono 600, valgono 44 miliardi e danno lavoro a oltre 159.000 persone.

Welcome Italia si conferma tra le imprese Champion, le aziende italiane che hanno registrato i più elevati tassi di crescita negli anni dal 2011 al 2017.

La ricerca, realizzata dal centro studi Italy Post è stata presentata venerdì 15 marzo in Borsa Italiana e pubblicata in un’edizione speciale dell’inserto L’Economia del Corriere della Sera.

Lo studio riguarda le 500 imprese italiane tra i 20 e i 120 milioni e le 100 imprese tra i 120 e i 500 milioni che hanno meglio performato nel periodo preso in esame.

Welcome Italia ha superato a pieni voti tutti gli esami con una crescita media dei ricavi (CAGR) del 9,46% nei 7 anni e un Ebitda medio del 28,57% negli ultimi tre esercizi.

Per entrare in graduatoria è necessario aver registrato un tasso di crescita annua di almeno il 7% per le imprese Champion e del 4,5% per le Superchampion, un ebitda medio degli ultimi tre esercizi rispettivamente del 10% e 8,5%, un rapporto Pfn/ebitda rispettivamente di 1,8 e di 2,5, e un rating attribuito da Modefinance con almeno una tripla B.

Tutti i risultati della ricerca sono disponibili sul sito di Italy Post

15 marzo 2019

La storia di Welcome Italia sul Corriere della Sera

L’inserto Corriere Imprese del Corriere della Sera dedica una pagina a Welcome Italia e racconta la storia dell’azienda dagli esordi come piccolo negozio di riparazione telefoni a solida realtà del mondo delle telecomunicazioni che si prepara a lanciare i nuovi servizi di telefonia mobile dedicati alle imprese. Ecco alcuni estratti dell’articolo firmato dal giornalista Marzio Fatucchi.

“Da piccolo negozio dove si vendevano e riparavano telefoni a compagnia di telecomunicazioni che fornisce anche servizi per la telefonia cellulare. A Welcome Italia non sono bastate le ultime acquisizioni della torinese Colt Engine e Qboxmail (azienda pratese specializzata in servizi mail in cloud) e l’apertura della nuova sede di Pisa. L’ultimo passo della crescita di questa realtà, partita nel 1983 dall’attività di due fratelli, è lo sbarco nella gestione della telefonia mobile […].

Ma come è possibile che un negozio diventi un’azienda da oltre 36 milioni di euro di fatturato e 158 dipendenti (con 80 assunzioni programmate nei prossimi tre anni)? ‘Abbiamo sempre messo in primo piano le reali esigenze delle imprese e non abbiamo mai avuto paura del cambiamento – spiega Stefano Luisotti, AD di Welcome Italia – nel 1983 io e mio fratello Giovanni siamo partiti con un piccolo negozio di riparazione telefoni. Negli anni le liberalizzazioni nel campo delle telecomunicazioni hanno cambiato radicalmente il settore e ci hanno dato l’opportunità di crescere e di investire costantemente sullo sviluppo di una infrastruttura di rete di proprietà: poter gestire la propria rete di trasporto in autonomia misurando costantemente le prestazioni e intervenendo per anticipare guasti e disservizi fa realmente la differenza quando vuoi offrire servizi di qualità alle imprese’.[…]

Per fare questo salto, centrali sono gli investimenti come quello da oltre 10 milioni per la nuova sede. Però non basta. ‘La tecnologia è fondamentale per la crescita – continua Luisotti – ma al centro di tutto ci sono soprattutto le persone: sia quelle che lavorano con te, sia quelle che ogni giorno utilizzano i tuoi servizi. Chi lavora ha bisogno di risposte rapide e trasparenti e di servizi efficienti e sicuri[…]

I due data center di Pisa e Massarosa (collegati con un anello in fibra ottica con capacità da 100 Gigabit/secondo) consentono di creare una ‘ridondanza’: praticamente, dovesse bloccarsi Massarosa, continuerebbe a lavorare la prima sede, senza interrompere il lavoro dei clienti. E se a Pisa scoppiasse un incendio? Impossibile, nel data center c’è un sistema che produce un’atmosfera a ridotta presenza di ossigeno: le fiamme non possono proprio svilupparsi[…]

Una gran parte del lavoro, è fatta da quello che sarebbe, banalizzando, un call center. Un call center atipico, però: i dipendenti sono tutti a tempo indeterminato, a tutti sono state comprate sedie ergonomiche Herman Miller, le stesse che utilizza Obama alla Casa Bianca. ‘Vogliamo mantenere il massimo livello di qualità per i clienti – continua l’Ad – così investiamo in nuove infrastrutture come la sede di Pisa. Ma, ancora una volta, al centro di tutto ci sono le persone: gli ambienti sono infatti studiati per offrire il massimo comfort a tutti i dipendenti. E investiamo molto nella formazione dei nostri collaboratori, pagando anche master e corsi universitari. Nella nuova sede abbiamo realizzato un’aula magna con 98 confortevoli postazioni per ospitare corsi e seminari’.
E nella stessa aula sono a disposizione strumenti musicali (tra cui una Stratocaster): l’aula può trasformarsi in una sala concerti. Distrazioni? Assolutamente no, se è vero che il front office per i clienti non lascia le chiamate in attesa: il 95,6 per cento delle richieste di assistenza viene ‘evaso’ prima che il telefono squilli tre volte”.

© Corriere della Sera
7 novembre 2016

 

Università, Welcome Italia premia i migliori studenti

Welcome Italia premia l’eccellenza anche nel mondo dell’Università.
Mercoledì 23 maggio Welcome Italia ha infatti consegnato due premi ai migliori immatricolati del corso di laurea triennale in Ingegneria delle Telecomunicazioni dell’Università di Pisa per l’anno accademico 2016/2017.

“Siamo onorati – spiega il responsabile HR di Welcome Italia Massimiliano Santini – di portare avanti la nostra collaborazione con l’Università: per un’azienda come la nostra è determinante entrare in contatto con gli studenti a tutti i livelli. Serve a farci conoscere, ci permette di individuare con maggiore rapidità ed efficienza le persone di talento e permette agli studenti di entrare in contatto con il mondo delle aziende”.

Il vantaggio della collaborazione tra l’Università di Pisa e Welcome Italia è naturalmente reciproco. Le Telecomunicazioni sono un settore trainante per l’economia nazionale e internazionale. La mancanza di figure adeguatamente preparate potrebbe mettere a rischio lo sviluppo di questo importante settore.

“Ringrazio tutte le aziende che hanno partecipato – spiega il professor Giuliano Manara, docente di Campi Elettromagnetici del Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione – le aziende come Welcome Italia  possono aiutare gli studenti a capire in quali settori specializzarsi e quali sono le applicazioni pratiche delle materie studiate nel mondo”.

Le telecomunicazioni offrono grandi opportunità di lavoro.

“È verissimo – spiega il professor Manara – negli Stati Uniti i corsi di laurea in questa materia sono tra i più gettonati. In Italia i laureati trovano lavoro in media entro tre mesi. Purtroppo il numero delle iscrizioni è inferiore alle aspettative: la collaborazione con le aziende serve anche a far capire ai giovani quali sono le opportunità disponibili”.

Manara sottolinea che tutte le aziende hanno bisogno di servizi di telecomunicazione efficienti. E ne avranno sempre di più in futuro.

“Non dobbiamo pensare solo al telefono e alla connessione internet – spiega ancora Manara – le applicazioni pratiche delle telecomunicazioni cresceranno in maniera esponenziale con l’industria 4.0 e la IOT (Internet of Things), ad esempio per il controllo a distanza di macchine e apparati”.

Le aziende e gli enti che hanno contribuito all’istituzione delle 20 borse di studio sono:

  • Welcome Italia
  • TT Tecnosistemi
  • Netresults
  • Cloud4Wi SpA di Pisa
  • Gruppo Pasquali Microwave Systems s.r.l di Firenze
  • RICO di Castelfidardo, Ancona
  • Free Space s.r.l.
  • Gruppo SECO S.p.A. di Arezzo
  • IDS Ingegneria dei Sistemi

 

 

Cloud, IOT, Industria 4.0: il futuro dell’economia passa dall’efficienza delle TLC

Un robot che riesce ad operare con la massima precisione seguendo le indicazioni di un chirurgo che si trova a centinaia di chilometri di distanza.

Non è la scena di un film di fantascienza ma è il risultato concreto della collaborazione sempre crescente tra robotica e informatica. Il chirurgo-robot – così come tante tecnologie che migliorano le nostre vite – non potrebbe però funzionare senza il supporto di sistemi di telecomunicazione efficienti e affidabili.

Il tema è stato affrontato nei giorni scorsi dal professor Stefano Giordano, vice-presidente del corso di laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni dell’Università di Pisa, durante la prima lezione universitaria ospitata nella sede di Pisa di Welcome Italia.

Il futuro passa dal Cloud e dalla IOT

Il titolo dell’incontro, dedicato agli studenti del terzo anno, era “La Cloudificazione delle telecomunicazioni”. Il professor Giordano ha illustrato l’evoluzione delle tecnologie in Cloud e le ripercussioni che queste ultime avranno sul settore delle telecomunicazioni e sulla nostra vita quotidiana.

L’evoluzione della rete e dei sistemi, infatti, rende sempre più attuale la IOT (Internet of things), cioè la possibilità di utilizzare sistemi di telecomunicazione evoluti per collegare gli oggetti alla rete e permettere così di scambiare informazioni con sistemi esterni.

Qualche esempio? Una sveglia intelligente che suona prima se per strada c’è traffico; un frigorifero che ti avverte se è finito il tuo gelato preferito; un vasetto di medicine che ti avverte se hai dimenticato di prendere un farmaco importante. Ma anche sistemi di controllo che permettono di automatizzare la produzione industriale migliorando le condizioni di lavoro, aumentando la produttività e riducendo gli sprechi: quella che gli esperti hanno battezzato Industria 4.0.

Il controllo della rete? È sempre più importante

Quale luogo migliore della sede di Welcome Italia per affrontare un tema del genere?

L’efficienza delle imprese dipende già dall’efficienza e dalla qualità dei servizi di telecomunicazione. Con l’espansione delle tecnologie IOT e dell’industria 4.0 le aziende dovranno essere sempre più digitalizzate e interconnesse.

Questo farà aumentare certamente il bisogno di banda ma soprattutto, come è stato sottolineato dal professor Giordano durante la lezione, renderà sempre più importanti aspetti come l’affidabilità delle connessioni, la ridondanza, la riduzione della latenza, e il controllo della rete da parte degli operatori. Tutti elementi che già distinguono Welcome Italia sul mercato.

Lavoro e ricerca di talenti: la collaborazione continua

La lezione ospitata nella sede di Montacchiello è frutto della stretta collaborazione tra Welcome Italia e l’università di Pisa. “Questo tipo di collaborazione tra università e mondo del lavoro è fondamentale – spiega Cristina Luporini del reparto Hr di Welcome Italia – per l’università è importante creare rapporti diretti con le aziende più innovative e mostrare agli studenti applicazioni concrete di ciò che viene spiegato a lezione. Per un’azienda come Welcome Italia è fondamentale incontrare giovani di talento interessati a diventare parte della nostra squadra”.

20 novembre 2017

Welcome Italia becomes a member of MVNO Europe

Brussels, 2 April 2019 – MVNO Europe welcomes the addition of Welcome Italia. Active on both the fixed and mobile markets, Welcome Italia positions itself as one of the best Italian telecommunications service providers for business customers.

MVNO Europe is delighted to expand its membership with the addition of Welcome Italia – an operator focused on providing best-in-class services to business customers. Operating on the fixed market since 1999, Welcome Italia launched its mobile services in April 2018 under the name Vianova Mobile. With this move, Welcome Italia aims to integrate and maximize the potential of fixed-line and mobile networks, Wi-Fi, Private Branch Exchange and smartphones. As with many other MVNOs, Welcome Italia is designed to quickly and smoothly adapt to its clients’ ever-changing needs.

MVNO Europe looks forward to helping Welcome Italia further develop its MVNO activities. Together MVNO Europe and Welcome Italia will seek to progress towards fair and non-discriminatory network access conditions for MVNOs – regardless of the technology – in Italy and other EU countries. In parallel, with Welcome Italia among its members, MVNO Europe will keep fighting for the reduction of regulated wholesale roaming charges in the EU in order to enable MVNOs to increase competition on European markets and thereby benefit end-users.

Jacques Bonifay, chairman of MVNO Europe, warmly welcomed the new member “who will help the association to achieve a vibrantly competitive market, which remains the best tool to promote innovation, cross-border solutions and take-up of services by users.”.

M